Contatos | Login | IT EN DE PT PL ES PL
 

Êxitos

 

Strizza l’occhio al tubo strutturale

Gatti & Frigerio Srl, Italia, con l’acquisto del lasertubo LT8 mira a diversificare gli sbocchi di mercato


La ditta Gatti & Frigerio Srl è stata fondata nel 1963 dal signor Gatti e dal signor Frigerio che ci riceve nello stabilimento di Alserio in provincia di Como. L'azienda, che oggi occupa circa 60 dipendenti opera principalmente, ma non solo, nel campo delle attrezzature per laboratori scientifici producendo prodotti semi-finiti per conto terzi. Uno dei pochi settori che non sembra soffrire delle difficoltà economiche che in questo periodo minacciano ampi settori dell'economia. Fra tutti gli eventi che hanno caratterizzato i molti anni di attività dell'azienda, il signor Frigerio ci segnala come tappa fondamentale di crescita l'inserimento della lavorazione laser che è stata avviata circa 10 anni fa con l'acquisto di sistemi per il taglio della lamiera e che è coincisa con un ampliamento importante mediante l'acquisto di due capannoni produttivi. Il passo successivo, circa cinque anni fa, è stato l'inserimento della prima Lasertubo, una ADIGE LT702. Inizialmente si è trattato quasi di una scommessa. Il signor Frigerio ci spiega di aver creduto fortemente nelle potenzialità del taglio laser applicato al tubo, ma nei primi tempi ha dovuto combattere con i propri clienti per convincerli dei molteplici vantaggi di questa nuova tecnologia e delle nuove opportunità che offriva. Gli sviluppi successivi gli hanno però dato ragione e così dopo due anni è stata acquistata una seconda lasertubo modello LT712 e recentissimamente il parco macchine è stato completato dal sistema LT8 che oggi è il sistema tecnologicamente più avanzato in circolazione per la lavorazione del tubo.

 

Dal fascio di tubi al prodotto finito


peças para o setor mobiliário de laboratórios

Prima dell'inserimento dei laser, il tubo veniva tagliato con segatrici ADIGE e poi doveva passare attraverso diverse fasi lavorative eseguite in sequenza: taglio, sbavatura, foratura ecc. Il processo produttivo era naturalmente frammentato con la necessità di spostare il materiale da una stazione di lavoro all'altra. Il taglio laser ha sostituito molte di queste fasi con un processo unico che fa passare dal fascio di tubi grezzi a un prodotto finito pronto per la saldatura. Molto importante, l'impiego del cosiddetto "taglio-piega" ovvero la possibilità di realizzare opportuni scansi sul tubo per garantire che un pezzo unico possa essere piegato a formare angoli e curve costituite da un unico pezzo. La fase successiva di saldatura risulta molto semplificata, senza considerare la facilità logistica derivante dalla necessità di manipolare un pezzo singolo. Maggiore semplicità si traduce in rapidità e in costo inferiore. L'azienda lavora su disegni forniti dal cliente e se c'è chi ha già le idee chiare e desidera che i pezzi siano realizzati a disegno, si fa comunque consigliare da chi esegue la lavorazione che conoscendo a fondo la tecnologia può suggerire soluzioni innovative e vantaggiose diventando di fatto partner del cliente.

 

Diametri più grossi, ma che prestazioni!


Con il sistema ADIGE LT8, l'azienda si propone di entrare nella lavorazione conto terzi a più ampio raggio. L'incremento del diametro, che sulla LT8 può arrivare a 220 mm, consente di diversificare maggiormente i settori di sbocco dove siano richiesti diametri maggiori, come nel caso dell'edilizia strutturale, dei macchinari e dell'arredamento. Si possono trovare spazi dove ancora la richiesta è in crescita e l'offerta non è capillare. Il signor Frigerio ha osservato come questo incremento nel diametro dei tubi lavorati non abbia impedito di incrementare ulteriormente la capacità produttiva che in effetti è ancora cresciuta rispetto alle già apprezzate prestazioni delle due macchine precedenti. Infine, un altro aspetto particolarmente apprezzato è la possibilità di lavorare con la testa inclinata rispetto alla superficie, aspetto che diventa man mano più importante con il crescere di diametri e spessori. Frigerio sottolinea in conclusione la sua soddisfazione per il rapporto che si è stabilito con BLM basato su una sincera collaborazione proseguita nel tempo. Non si tratta solamente di curare l'assistenza tecnica, ma anche di consigliare il cliente con coscienza in funzione delle sue esigenze.

 
 
 
Google