Contatos | Login | IT EN DE PT PL ES PL
 

Êxitos

 

L’estetica e il taglio laser

Hon-Nabytek Sro, Repubblica Ceca, grazie al laser ha affiancato alla produzione di mobili per ufficio, l’attività di “terzista” puro


aplicação laser no setor mobiliário

Ci troviamo nella periferia di Opava in Repubblica Ceca, a pochi chilometri dal confine con la Polonia. La strada che abbiamo percorso per giungere qui attraversa una natura di rara bellezza. Sotto la neve che cadeva copiosa si sono alternati per molti chilometri boschi e radure e, complice l'ora tarda del viaggio, l'unico essere vivente incontrato è stato un cerbiatto improvvisamene spuntato dal ciglio della strada che ha attraversato distrattamente davanti alla nostra autovettura costringendoci a una brusca frenata. Considerato il paesaggio circostante non stupisce che l'azienda che visitiamo sia nata e si sia sviluppata con la produzione di mobili in legno. Il direttore di stabilimento e socio signor Jan Kahle ci spiega che Hon-Nabytek è stata fondata nel 1924 specializzandosi nel tempo nei mobili per ufficio, che oggi produce e commercializza con il marchio HOBIS. Oggi, HON j.s. è un gruppo di aziende che oltre a Hon-Nabytek Sro comprende anche Nabytek EXNER Sro, situata a Praga, che produce e commercializza anch'essa mobili per ufficio e HONKovo Sro che produce parti e semilavorati per le due consorelle. Complessivamente il gruppo HON è il più grosso produttore di mobili della Repubblica Ceca con 350 M€ di fatturato annuo e 170 dipendenti. Ogni settimana, solo dallo stabilimento di Opava partono 100 t di mobili.

 

Dal legno al metallo


Il metallo è stato introdotto nei mobili quando sono nate esigenze di maggiore resistenza per alcuni elementi tecnici negli arredi per ufficio e il passaggio non è stato indolore. Inizialmente le parti metalliche venivano acquistate all'esterno, ma con numerosi problemi. Precisioni non sempre rispettate, diversa qualità fra lotti uguali prodotti da fornitori diversi, tutte operazioni che costringevano all'interno a complesse operazioni di recupero e ripristino. Il problema era che mentre le parti in legno venivano già prodotte con macchine a controllo numerico e risultavano quindi estremamente precise, le parti metalliche venivano viceversa prodotte manualmente e spesso non si assemblavano correttamente, specialmente nella realizzazione di grossi blocchi interconnessi. Inoltre, se inizialmente le parti di metallo servivano solamente a irrobustire la struttura, ma dovevano essere nascoste alla vista, nel tempo queste parti sono state sempre meno mascherabili e sono anzi entrate a far parte dell'estetica richiedendo una finitura eccellente. Anche per questo la lavorazione laser si è resa necessaria.

 

L’introduzione del laser


Nel 2006 sono state introdotte una lasertubo LT 120 e una ADILAS per il taglio della lamiera che hanno portato diverse innovazioni: maggiore precisione, riduzione dei costi di fabbricazione e innovazione nella progettazione dei mobili stessi. L'elevata produttività delle macchine laser ha consentito di dedicare una parte della produzione alla lavorazione conto terzi che quindi oggi impiega circa metà della produzione totale. I pezzi prodotti vanno in settori diversi, dalla produzione di macchine agricole che è un settore presente nella zona, alla produzione meccanica in generale. L'introduzione dei laser ha fatto nascere anche nuove idee che si concretizzeranno prossimamente in una nuova linea di mobili che si sta studiando all'interno dell'ufficio tecnico costituendo di fatto un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti. Le soluzioni che si vedono all'interno dell'officina non sono solo estremamente ingegnose dal punto di vista dell'efficienza delle giunzioni, ma anche estremamente efficaci nel garantire un assemblaggio rapido.

 

Il prodotto finito con la lamiera e il tubo


mesas tubulares acabadas

L'attuale momento di difficoltà a livello globale viene vissuto senza grosse preoccupazioni. Il gruppo è abituato a tassi di crescita a due cifre (18% negli anni precedenti) e anche nel 2008 si è registrata una crescita anche se leggermente inferiore del 10%. Il mobile quindi risente della crisi, ma il settore della lavorazione conto terzi invece continua a crescere. Il punto di forza è nella possibilità di fornire un prodotto finito di qualità con la lavorazione di lamiera e tubo.

 
 
 
Google