Contatti | Login | IT EN DE PT PL ES PL
 

Success Stories

 

Ventiquattro sequenze di curvatura

Mecart srl, Reggio Emilia, fa leva sull’esperienza e sull’ampio parco macchine per rispondere a ogni esigenza produttiva


Mecart srl è una realtà specializzata nella lavorazione e nella curvatura di profili tubolari metallici e in particolare di bruciatori a gas e linee di alimentazione gas. L'azienda nasce, infatti, nel 1977 come unità produttiva di un grosso costruttore italiano di cucine e solo nel corso degli anni ha via via diversificato i propri settori di sbocco entrando in qualità di "terzista" puro in ambiti come l'automotive e la climatizzazione.

 

100 pezzi con flessibilità


"La nostra struttura, con gli anni, si è adattata alle diverse esigenze di mercato" racconta l'ingegner Davide Cervi, che assieme al padre Alberto, fondatore della società, e al fratello Andrea anch'esso ingegnere, guida l'azienda. "Tra i nostri clienti possiamo annoverare i più importanti costruttori di cucine, forni e piani di cottura a gas ma anche nomi importanti per il settore automotive, per esempio. Con la delocalizzazione delle attività produttive da parte dell'industria delle cucine, ad appannaggio di quei Paesi con manodopera a basso costo, abbiamo cercato nuovi mercati. Pur continuando a lavorare in modo importante nel campo delle tubazioni per cucina, in Italia e in Paesi come Russia e Medio Oriente, l'obiettivo degli ultimi anni è stato però rafforzare la presenza nell'automotive e in tutti quegli ambiti in cui vi sono tubazioni destinate alla conduzione e al trasporto dei fluidi come il condizionamento, la refrigerazione e l'idraulica. Per come siamo attrezzati, privilegiamo i lotti superiori ai 100 pezzi ma il mercato, oggi, richiede questo tipo di lotto che riusciamo a realizzare con flessibilità grazie all'ampio parco macchine di cui disponiamo e al livello tecnologico che esprime. Siamo quindi in grado di rispondere alle richieste dei clienti che necessitano sia di piccole serie sia di lotti industriali con quantitativi importanti nel campo delle tubazioni di diametro medio piccolo, in ferro e alluminio".

 

Oltre 40 macchinari


curvatura di tubo per settore forni a gas

Di Mecart, è il parco macchine installato in officina a impressionare con più di quaranta macchinari. Nonostante sia la curvatubi la macchina regina, in officina non manca, infatti, una nutrita "pattuglia" di sagomatubi e rastrematubi che permettono di completare i particolari prodotti. Idraulica o ibrida, stand alone o inserita in una delle cinque isole robotizzate installate in officina, la curvatubi costituisce comunque l'asse portante dell'attività di Mecart nonostante, oggi, la competenza e la specializzazione in questa operazione sia spesso data per scontata. "Siamo attrezzati per essere un partner competente in grado di eseguire sui particolari anche tutte quelle lavorazioni accessorie alla curvatura" afferma Andrea Cervi. "Lavorando conto terzi il tubo, ciò che fa la differenza è la possibilità di fornire al cliente il pezzo finito. Occorre quindi essere attrezzati per ogni esigenza. Per questa ragione, tipicamente, acquistiamo ogni anno una nuova macchina, o in sostituzione di una vecchia, oppure per rispondere in modo specifico e mirato a una precisa esigenza produttiva". "Il ruolo del terzista si sta evolvendo sempre più verso quello di partner affidabile in grado di garantire al cliente la fornitura certa, nelle quantità, nella qualità e nelle tempistiche desiderate, di veri e propri sottocomponenti finiti" afferma ancora Davide Cervi. "Occorre quindi disporre delle migliori tecnologie, e avere un parco macchine completo che ti permette di fronteggiare qualsiasi imprevisto e rispettare i termini di fornitura. Entra poi in gioco anche la competenza, l'esperienza e la capacità di essere propositivi fin dalla fase di progettazione dei componenti per suggerire quelle migliorie volte a snellire e semplificare il ciclo produttivo, pur garantendo la funzionalità richiesta al pezzo finale".

 

L’umiltà di saper ascoltare


processo di curvatura ripetibile e qualità costante

Il parco macchine installato in Mecart non impressiona solamente per quantità ma anche per qualità, lasciando chiaramente trasparire un connubio tra l'azienda emiliana e BLM Group più simile a una partnership che al tradizionale rapporto cliente fornitore. PLANET, Dynam0, AST … è lungo l'elenco dei macchinari BLM presenti in officina. "La scelta di BLM in qualità di partner tecnologico si è rivelata vincente e continuativa negli anni - racconta il signor Alberto Cervi - anche perché oltre all'affidabilità intrinseca delle macchine abbiamo sempre trovato nei suoi tecnici ampia disponibilità ad ascoltare le nostre esigenze e problematiche produttive, fin quasi ad arrivare a studiare assieme le soluzioni ottimali. Nonostante BLM rappresenti l'eccellenza ha l'umiltà di ascoltare le richieste e i suggerimenti dei suoi clienti e questo è stato negli anni fondamentale". "Delle macchine abbiamo sempre apprezzato l'affidabilità e la flessibilità di utilizzo, la precisione di lavorazione e la ripetitività del risultato di piega - aggiunge Davide Cervi - ma è il Service BLM a sorprendere per celerità di risposta e disponibilità e lo dico nonostante oggi abbiamo una tale abbondanza di macchine che in caso di guasto saremmo comunque in grado di coprire le esigenze di produzione. Eppure i tempi di risposta e la risoluzione del problema sono sempre estremamente ridotti".

 

Forme complesse


Come detto in precedenza, nel suo processo di diversificazione Mecart è anche entrata nell'automotive; per un primario produttore ha realizzato delle serpentine in acciaio inox particolarmente complesse in virtù di uno sviluppo lineare del tubo (diametro 10 x 1 mm) di 5 m di lunghezza. "La forma caratterizzata da 24 diverse sequenze di curvatura a raggio variabile costituiva un problema insormontabile" racconta soddisfatto il signor Davide. "Vi erano grossi problemi di interferenza tra il tubo e la macchina viste le dimensioni del pezzo, che abbiamo risolto grazie alla nostra esperienza e allo sviluppo di un attrezzo di curvatura piuttosto "sottile" che permettesse appunto il passaggio del "curvato" sulla macchina. È stata un'esperienza fondamentale poiché ha "certificato" Mecart come una realtà produttiva in grado di rispondere alle richieste di un mercato difficile come l'auto, sia come numeri sia, soprattutto, come qualità".

 

 
 
 
Google