Contatti | Login | IT EN DE PT PL ES PL
 

Success Stories

 

La scomessa vinta

METRIO, Germania, ha fatto della lavorazione laser del tubo l’asse portante della sua attività vincendo qualsiasi reticenza iniziale del mercato


METRIO è un Job shop per la lavorazione laser del tubo a 360°. Possiede cinque macchine BLM Group acquistate a partire dal 1998; i primi due sistemi, della prima serie LT, sono una LT651 e una LT652 cui sono seguite una LT712, una LT722 e una LT8 installata di recente.

 

Meno tempo più qualità


tubi tagliati laser scaricati automaticamente

METRIO nasce da una vera scommessa imprenditoriale. Nel periodo natalizio del 1998 i signori Düser e Peuker, già esperti di lavorazione nel campo del tubo, decisero di investire sul laser acquistando la prima LT651, sistema per il taglio laser di tubo tondo e quadro con la quale avviarono la loro attività di terzista nel campo del lasertubo credendo nel prodotto senza però avere ancora alcun cliente. "All'inizio è stato difficile" spiega il signor Peuker, "i potenziali clienti non conoscevano ancora la lavorazione laser e si è dovuto istruirli". "Pezzo dopo pezzo i clienti hanno cominciato ad apprezzare il risparmio di tempo e la maggiore qualità che la lavorazione laser era in grado di garantire" aggiunge il signor Düser, socio di Pueker nell'azienda. La LT651 equipaggiata con una sorgente laser Rofin Sinar DC020 è stata un'ottima scuola per impratichirsi con la tecnologia laser applicata al taglio del tubo e ancora oggi, a distanza di tanti anni, quel sistema fa il suo lavoro quando vengono richiesti lotti speciali di piccole dimensioni. Inizialmente i clienti venivano con i loro disegni dei particolari da realizzare poi, man mano, si provava a farne lo sviluppo insieme ed è emersa una caratteristica fondamentale dei sistemi lasertubo, la flessibilità che consentiva di ideare nuovi tipi di lavorazioni per creare soluzioni diverse dal punto di vista meccanico ed estetico. Da questo momento è partito il vero sviluppo della lavorazione laser sul tubo. Nel 2000 è arrivata la seconda macchina, una LT652, dedicata principalmente al settore delle recinzioni, anche se un settore di riferimento non è effettivamente identificabile. Applicazioni importanti sono state richieste nel campo dell'arredamento con la produzione di lampade per interni ed esterni. Successivamente, con cadenza quadriennale, sono arrivate una LT 712 e una LT722 che lavoravano il tubo ellittico e hanno quindi consentito di aggredire il mercato delle attrezzature per fitness diventando fornitori di un'importante marchio. La velocità di lavorazione dei sistemi ADIGE sul tubo ellittico è stata la carta vincente per aggiudicarsi il lavoro.

 

Il capitale umano


lavorazione di taglio di alta qualità

"Avere più macchine a disposizione significa essere in grado di soddisfare le esigenze dei clienti più esigenti, in termini di tempi di consegna e qualità dei pezzi" spiega Mr Düser. "Il mercato è cambiato e viene richiesta una precisione di lavorazione sempre maggiore per la realizzazione di strutture complesse che dovranno poi essere saldate da sistemi robotizzati automatici. Il mercato, invece, non è per nulla cambiato con riferimento alla richiesta del rispetto dei tempi di consegna che è sempre stato e rimane un vincolo imperativo". La velocità di consegna è sempre più importante, non sono rari i casi di clienti che arrivano con il tubo da lavorare, dopo aver inviato un disegno via e-mail, e preferiscono far attendere il camion che deve riportare indietro i pezzi finiti. Le prestazioni dei sistemi devono quindi essere sempre al massimo livello di sviluppo. Anzi, la competizione oggi è in crescita, ragion per cui è necessario disporre dei sistemi al top. "Ciò significa - puntualizza Peuker - che in un mondo di automazione il fattore umano continua ad avere un'importanza determinante nell'ottenere il massimo dai sistemi installati e che il vero capitale dell'azienda è nelle persone che lavorano". Principio nel quale BLM Group crede da sempre.

 

La qualità, sempre in tempo


Sempre per essere top, METRIO ha recentemente deciso di ampliare il proprio parco macchine aggiungendo un nuovo sistema Lasertube LT8 che, ultimo arrivato nella famiglia Lasertube, introduce un salto generazionale nei sistemi per la lavorazione del tubo. Unendo prestazioni inarrivabili a un range dimensionale quanto mai ampio (è in grado di lavorare tubi fino a 220 mm di diametro), LT8 consente di accedere a mercati nuovi con estrema flessibilità. "È importante mantenersi al top della tecnologia". "La macchina - sostiene Peuker - consentirà di acquisire nuovi clienti per esempio nel settore dell'edilizia strutturale, dove le strutture richiedono tubi di dimensioni diverse, in cui, fino a oggi, METRIO non riusciva a entrare perché il cliente esige tutti i prodotti dallo stesso fornitore. In conclusione, con il sistema LT8 a completare un parco macchine già di tutto rispetto, METRIO si propone di specializzarsi distinguendosi nel mercato del taglio laser di tubo per l'alta qualità dei prodotti che è in grado di fornire sempre in tempo.

 
 
 
Google